LA COMMISSIONE EUROPEA APPROVA MECCANISMI DI CAPACITÀ ELETTRICA IN ITALIA E IN ALTRI CINQUE STATI MEMBRI: I PUNTI DI VISTA DELLA STAMPA

Roma, 13.2.2018: È noto che lo scorso 7 febbraio la Commissione europea ha approvato, sulla base delle norme dell’UE sugli aiuti di Stato, i meccanismi di capacità elettrica in Belgio, Francia, Germania, Grecia, Italia e Polonia. Secondo la Commissione le misure contribuiranno a garantire la sicurezza dell’approvvigionamento, salvaguardando la concorrenza nel mercato unico.
In particolare, come riportato dal comunicato stampa della Commissione Europea nel caso dell’Italia e della Polonia, sono stati autorizzati meccanismi di capacità relativi all’intero mercato, che possono rivelarsi necessari quando i mercati dell’energia elettrica si trovano ad affrontare problemi strutturali di sicurezza dell’approvvigionamento. Nell’ambito di un meccanismo di questo tipo, i fornitori di capacità possono ottenere un pagamento per la disponibilità a produrre energia elettrica o, nel caso di operatori della gestione della domanda, per la disponibilità a ridurre il consumo. Difatti, come ribadito dallo stesso comunicato, sia l’Italia che la Polonia hanno chiaramente identificato e quantificato i rischi in materia di sicurezza dell’approvvigionamento, tenendo conto anche delle eventuali importazioni da paesi limitrofi. L’Italia, come riporta il comunicato della Commissione Europea, ha dimostrato che un quantitativo importante di capacità rischia di uscire dal mercato e che è poco probabile che si realizzino nuovi investimenti in quanto gli investitori non riescono a ottenere guadagni sufficienti dalle vendite di energia elettrica.
Tale notizia è stata divulgata dalle testate giornalistiche accentuandone alcuni particolari aspetti.
Da un lato la stampa specializzata nelle tematiche energetiche ha riportato la notizia dando risalto all’opportunità, anche per le fonti rinnovabili, di utilizzare un sistema che sosterrà l’adeguatezza della rete in previsione di sempre maggiori volumi di produzione da fonti rinnovabile, sulla base della roadmap tracciata dalla Strategia Energetica Nazionale per la decarbonizzazione della filiera energetica del nostro paese.
Dall’altro, altre testate, di rilevanza nazionale, hanno voluto evidenziare che il capacity market è stato disegnato per far fronte alla imprevedibilità delle fonti rinnovabili, in alcuni casi accusando esplicitamente l’eolico e il fotovoltaico dei costi che gli utenti finali dovranno sostenere.
Tali posizioni giornalistiche possono far riflettere, in quanto viene esplicitato nel comunicato che la CE ha recepito le motivazioni presentate dall’Italia per l’implementazione del capacity market e ha evidenziato che il meccanismo deve “destinare i finanziamenti attraverso gare aperte a tutti i tipi di fornitori, in quanto ciò mantiene la concorrenza tra fornitori di capacità e riduce i costi per i consumatori”, mentre da nessuna parte viene menzionato che il meccanismo di capacità viene attuato a causa delle rinnovabili.
Tutto ciò senza contare gli attuali impedimenti per le rinnovabili (come ad esempio alcuni vincoli previsti nel codice di rete) ed il fatto che solo le imprese di medio-grandi dimensioni potrebbero partecipare alla domanda a causa della mancata delibera ARERA ai sensi dell’art.11 del DLgsl. 102/2014 per sostenere la diffusione efficiente delle fonti rinnovabili e della generazione distribuita e consentire la partecipazione della generazione distribuita, delle fonti rinnovabili, della cogenerazione ad alto rendimento e della domanda al mercato dell’energia e dei servizi, stabilendo i requisiti e le modalità di partecipazione delle singole unità di consumo e di produzione.
Per ulteriori informazioni, Ufficio Stampa:
ANEV Silvia Martone – comunicazione@anev.org – Tel. +39 0642014701
FREE Giusy Caretto, Innovative Publishing info@mailip.it – Tel. +390687758077

ANEV – Associazione Nazionale Energia del Vento – è l’associazione di protezione ambientale, riconosciuta ai sensi della Legge 8 luglio 1986 n. 349, costituita nel luglio 2002 che vede riuniti oltre 5.000 soggetti rappresentanti il comparto eolico nazionale in Italia e all’estero, tra cui produttori e operatori di energia elettrica e di tecnologia, impiantisti, progettisti, studi ingegneristici e ambientali, trader elettrici e sviluppatori che operano nel rispetto delle norme e dei regolamenti Associativi. L’ANEV è membro di Confindustria Energia ed è l’Associazione Italiana presente nel Board direttivo delle corrispondenti associazioni Europee e Mondiali quali il WWEA-GWEC-EWEA oltre ad aderire a UNI-CEI-AIEE. Tra gli scopi dell’Associazione vi è quello di concorrere alla promozione e utilizzazione della fonte eolica in un rapporto equilibrato tra insediamenti e natura, nonché quello di promuovere la ricerca e lo sviluppo tecnologico finalizzato all’utilizzo della risorsa vento e all’uso razionale dell’energia, oltre che alla diffusione di una corretta informazione basata su dati reali. L’obiettivo di conciliare lo sviluppo della produzione di energia pulita con le necessarie tutele di valorizzazione e salvaguardia del territorio, ha portato l’ANEV a intraprendere una stretta collaborazione con le principali associazioni ambientaliste che ha portato alla sottoscrizione di un Protocollo d’intesa con LEGAMBIENTE, WWF e GREENPEACE finalizzato a diffondere l’eolico tutelandone il corretto inserimento nel paesaggio. L’ANEV si pone, grazie alla sua esperienza specifica e all’alta professionalità degli associati, come l’interlocutore privilegiato nell’auspicato processo di collaborazione con le Istituzioni e con tutti gli organi di informazione sensibili ai temi ambientali e interessati alla divulgazione di una corretta informazione basata sull’analisi scientifica dei dati diffusi. Inoltre l’ANEV ha sottoscritto un Protocollo con la UIL, finalizzato a sostenere lo sviluppo dell’energia eolica nel nostro paese e a realizzare iniziative specifiche per valorizzare gli aspetti occupazionali e quelli della formazione.

Il Coordinamento FREE (Coordinamento Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica) è un’Associazione che raccoglie attualmente, in qualità di Soci, 23 Associazioni in toto o in parte attive in tali settori, oltre ad un ampio ventaglio di Enti e Associazioni che hanno chiesto di aderire come Aderenti (senza ruoli decisionali) ed è pertanto la più grande Associazione del settore presente in Italia.
Il Coordinamento FREE ha lo scopo di promuovere lo sviluppo delle rinnovabili e dell’efficienza energetica nel quadro di un modello sociale ed economico ambientalmente sostenibile, della decarbonizzazione dell’economia e del taglio delle emissioni climalteranti, avviando un’azione più coesa delle Associazioni e degli Enti che ne fanno parte anche nei confronti di tutte le Istituzioni.

© 2018 Free-energia.it. All Rights Reserved.

Powered by Wordpress and Botiq