BOLLETTE RINCARANO CAUSA FONTI FOSSILI. DE SANTOLI: «PER RISPARMIARE SERVONO LE RINNOVABILI»

Le rinnovabili non fanno rincarare il prezzo dell’energia, come sostengono alcuni studi – in particolare di Nomisma – apparsi nei giorni scorsi sulle pagine di alcuni media nazionali, ma al contrario possono abbassarlo e agire anche come calmierante dei prezzi. – afferma il presidente del Coordinamento FREE, Livio de Santoli – Il problema, come in tutte le attività industriali è la programmazione. Se non si fanno politiche industriali, si è in balia delle oscillazioni dei mercati dove basta una concomitanza di effetti come quelli di un’offerta scarsa e di ripresa dei consumi per avere rincari come quelli che prevedibilmente ARERA registrerà nei prossimi giorni: del 12% per l’elettricità e del 21% per il gas».

I prezzi della materia prima gas in particolare sono quasi raddoppiati in un anno, per i maggiori consumi per condizionamento e per una minore produzione da fonti rinnovabili, che ha comportato una maggiore domanda di gas dalle centrali elettriche, proprio mentre l’offerta segue gli andamenti delle disponibilità sui mercati internazionali. Inoltre il rialzo del prezzo della tonnellata di CO2, che ha raggiunto la cifra record di 55 euro, era prevedibile sulla base degli stringenti impegni UE sul taglio delle emissioni dei gas serra e dovrebbe essere benvenuto perché essenziale nella marcia verso la decarbonizzazione.

Invece in Italia nel 2015, grazie all’incremento negli anni precedenti della produzione elettrica da fonti rinnovabili, queste erano già arrivate a coprire quasi il 35% dei consumi elettrici, ma per una serie di provvedimenti penalizzanti (tra cui lo spalmaincentivi e una pesante complicazione autorizzativa) tale crescita delle rinnovabili è stata interrotta, tanto che tuttora coprono grosso modo la stessa percentuale di sei anni fa. Viceversa, se si fosse consentito alle rinnovabili di continuare a crescere, oggi, come in Germania, esse coprirebbero più del 40% dei consumi elettrici, riducendo in misura significativa l’effetto del maggior costo del gas.

«Imputare il rincaro dell’energia e la questione del prezzo della CO2 in aumento dando la colpa alle rinnovabili significa commettere un errore grossolano, perché il far pagare la CO2 cara è un imperativo per la lotta al cambiamento climatico i cui effetti sono già presenti ora. – conclude De Santoli – Questo è un altro motivo per utilizzare le rinnovabili, visto che non emettono CO2. E una cosa deve essere chiara: fino a quando a livello di politiche industriali non si prenderanno delle decisioni positive volte a far sviluppare con decisione le rinnovabili, non avremo una riduzione dei prezzi dell’energia».

© 2021 Free-energia.it. All Rights Reserved.

Powered by Wordpress and Botiq